Il “Laceno Bike Park” è un sistema integrato di percorsi cicloturistici per mountain bike per uno sviluppo complessivo di circa 30 Km.

(SCARICA CARTOGRAFIA)       (SCARICA MAPPA)

MTB 1 – SAN PANTALEONE

LUNGHEZZA TRACCIATO: circa 1,8 km
DISLIVELLO: 19 m in salita, 264 m in discesa
GRADO DI DIFFICOLTÀ: difficile

PERCORSO CON QUOTE ALTIMETRICHE: partenza dal sentiero MTB 4 in prossimità di Colle Molella (1083 m s.l.m.), arrivo sulla ex S.S. 368 per il Lago Laceno all’altezza del primo tornante (845 m s.l.m.) passando per la Fontana Chianizzi/Bagno delle Pecore (1136 m s.l.m.), sopra il costone della Cappella Rupestre di San Pantaleone (965 m s.l.m.) e scendendo in serpentina lungo la linea del metanodotto SNAM (intercettato a 935 m s.l.m.)

NOTIZIE GENERALI: il percorso interessa la parte alta del versante sud del Vallone Caliendo, ed è caratterizzato per la presenza di numerosi punti panoramici da cui si possono osservare spaziando con lo sguardo in senso orario le faggete della Montagna Grande (1510 m s.l.m.) e del Monte Rajamagra (1650 m s.l.m.), più in basso la parete rocciosa con la bocca delle Grotte del Caliendo da cui fuoriescono per gran parte dell’anno le acque raccolte dall’altopiano Laceno, ed ancora, l’alta valle del Calore con gli abitati di Bagnoli e Montella, le cime dei Monti Picentini tra cui dominano il Terminio (1780 m s.l.m.) e l’Acellica (1660 m s.l.m.). Lungo il tracciato sono state posizionate delle strutture artificiali quali salti e scalini.

RACCORDI CON ALTRI SENTIERI: MTB 4 Colle Molella – Colle del Leone (sentiero CAI 137)

DESCRIZIONE: dalla sbarra di Colle Molella si percorre per un centinaio di metri circa il tracciato MTB 4; prima della curva si devia a destra e si entra nel bosco di faggio. Per i primi 100 m la pendenza del sentiero si mantiene intorno al 13 % per poi aumentare sensibilmente fino al 35% nei secondi 100 m. Al termine di questo primo tratto ripido, sul lato destro all’uscita della curva, sono posizionati 2 salti artificiali evitabili mantenendosi sulla sinistra. Di qui è possibile proseguire sul tracciato principale o in alternativa raggiungere il punto di partenza percorrendo dapprima uno tratto in sterrato e poi la ex S.S. 368 fino a Colle Molella. Il sentiero prosegue con pendenze modeste fino ad incontrare un tributario destro del Vallone Caliendo che viene attraversato con una breve ripida discesa e altrettanto breve ripida salita. Dopo la salita, lunga poco più di 100 m, il sentiero attraversa un’area scoperta ricca di felci per poi raggiungere un tratto in sterrato; deviando a destra si torna sulla ex S.S. 368 mentre a sinistra, seguendo il percorso principale, si arriva al Bagno delle Pecore in prossimità del quale sono posizionati altri dossi artificiali. Da qui in poi il tracciato è esclusivamente in discesa; tratti più ripidi, con pendenze fino al 50 %, si alternano a tratti a pendenza inferiore. Dopo aver percorso circa 500 m dal Bagno delle Pecore si intercetta la linea del metanodotto lungo la quale si scende in serpentina. Al quarto tornante si trova la deviazione per il sentiero che conduce alla grotta di San Pantaleone; quest’ultimo tracciato, lungo circa 150 m, è sub-pianeggiante. Il percorso principale continua per 210 m circa sempre in discesa con pendenze medie di circa il 25%, prima di terminare con un ultimo tratto ripido (40%), lungo circa 50 m, sulla ex S.S. 368.

PROFILO ALTIMETRICO:


MTB 2 – SANTA NESTA

LUNGHEZZA TRACCIATO: circa 1,3 km
DISLIVELLO: 57 m in salita, 135 m in discesa
GRADO DI DIFFICOLTÀ: media difficoltà

PERCORSO CON QUOTE ALTIMETRICHE: partenza da Valle Piana (1136 m s.l.m.), arrivo all’Altopiano del Lago Laceno (1050 m s.l.m.) con valico all’incirca a metà percorso a quota 1190 m s.l.m.

NOTIZIE GENERALI: il percorso con fondo naturale si snoda lungo il versante nord delle Ripe del Moggio (1313 m s.l.m.) ed è immerso completamente nei boschi di faggio.

RACCORDI CON ALTRI SENTIERI: MTB 4 Colle Molella/Colle del Leone (sentiero CAI 137), MTB 5 Pista ciclabile Lago Laceno

DESCRIZIONE: partendo da Valle Piana e lasciando il tracciato MTB 4 alle spalle, il sentiero si addentra nella boscaglia con andamento all’inizio subpianeggiante e successivamente più marcatamente in salita attraversando due piccole radure in successione. La salita termina dopo circa 550 m con pendenze medie inferiori al 15%; dopo la prima radura è presente un piccolo strappo di circa 20 m con pendenza di circa il 50%. Dopo il valico inizia la discesa costituita da un primo tratto di 220 m con pendenze di circa il 20%, da un secondo tratto lungo 200 m con pendenze del 6%, ed infine dal tratto finale di circa 250 m con pendenze superiori al 32%. In particolare quest’ultimo tratto richiede attenzione in quanto, oltre alla pendenza abbastanza significativa, può presentarsi per lunghi periodi dell’anno con fondo viscido. Si giunge infine a Santa Nesta, in prossimità dell’anello asfaltato dell’altopiano Lago Laceno, dopo aver percorso complessivamente poco meno di 1,3 km.

PROFILO ALTIMETRICO:


MTB 3 – PIANA DEI VACCARI

LUNGHEZZA TRACCIATO: circa 2,7 km
DISLIVELLO: 5 m in salita, 118 m in discesa
GRADO DI DIFFICOLTÀ: facile

PERCORSO CON QUOTE ALTIMETRICHE: partenza da Colle del Leone (1215 m s.l.m.), arrivo al Campeggio Zauli (1095 m s.l.m.) attraversando la Piana dei Vaccari (1180 m s.l.m.) e l’Acernese (1170 m s.l.m.)

NOTIZIE GENERALI: il percorso si snoda lungo la vallata formata dai versanti est del Monte Rajamagra (1650 m s.l.m.) ed ovest del Monte Cervialto (1810 m s.l.m.); la piana dei Vaccari e l’Acernese rappresentano da sempre il luogo ideale per gli amanti del picnic e delle varie attività ludiche da svolgere all’aria aperta all’ombra dei maestosi faggi.

RACCORDI CON ALTRI SENTIERI: MTB 4 Colle Molella/Colle del Leone (sentiero CAI 137), MTB 6 Fontana di Dongiovanni (sentiero CAI 114), sentiero CAI 113.

DESCRIZIONE: partendo da Colle Leone dopo 350 m in leggera discesa all’interno del bosco si giunge alla Piana dei Vaccari dove è stata realizzata la Picnic Bike Area, zona attrezzata con tavoli e panche e diverse postazioni barbecue. Nell’area picnic è possibile trascorrere qualche ora in assoluto relax all’ombra dei faggi secolari ed ammirare l’imponente sagoma del Monte Cervialto. Proseguendo verso valle, dopo 400 m circa di sterrato, si arriva al Training Camp, zona di addestramento all’utilizzo della mountain bike, attrezzata con piccole strutture artificiali. Il tracciato prosegue in direzione del campeggio Zauli attraversando il pianoro dell’Acernese, seguendo il corso dell’omonima asta torrentizia (asciutta per gran parte dell’anno) e della strada comunale asfaltata. Dopo aver guadato una prima volta il torrente a ridosso di una grossa briglia, il sentiero corre parallelamente al nastro di asfalto per circa 200 m per poi ridiscendere nel bosco ed attraversare nuovamente il vallone. In leggera discesa si giunge in corrispondenza di un ponticello sulla sinistra da attraversare; il percorso termina in prossimità del campeggio dopo aver percorso complessivamente 2,7 km circa.

PROFILO ALTIMETRICO:


MTB 4 – COLLE MOLELLA/COLLE LEONE

LUNGHEZZA TRACCIATO: circa 11,3 km
DISLIVELLO: 340 m in salita, 210 m in discesa
GRADO DI DIFFICOLTÀ: facile

PERCORSO CON QUOTE ALTIMETRICHE: partenza da Colle Molella (1083 m s.l.m.), arrivo a Colle del Leone (1215 m s.l.m.) attraversando Valle Piana (1136 m s.l.m.) e Valle d’Acero (1320 m s.l.m.)

NOTIZIE GENERALI: il percorso si snoda a ridosso del Vallone Caliendo e lungo i versanti nord-ovest della Montagna Grande (1510 m s.l.m.) e sud-ovest del Monte Rajamagra (1650 m s.l.m.); è caratterizzato per la presenza di numerosi punti panoramici da cui si può osservare la Gola del Caliendo e l’ingresso alla Cappella Rupestre di S. Pantaleone, l’alta valle del Calore con gli abitati di Bagnoli e Montella, le cime dei Monti Picentini tra cui dominano il Terminio e l’Acellica, la piana di Battipaglia ed il Mare Tirreno nelle giornate prive di foschia.

RACCORDI CON ALTRI SENTIERI: MTB 1 San Pantaleone, MTB 2 S. Nesta, MTB 3 Piana dei Vaccari, MTB 6 Fontana di Dongiovanni (sentiero CAI 114), sentiero CAI 113.

DESCRIZIONE: il sentiero coincide con il SENTIERO N. 8, colore rosso, della Carta dei Sentieri redatta dal Comune di Bagnoli Irpino e con il  sentiero CAI n. 137, denominato “Circuito del Rajamagra”. Partendo da Colle Molella, dopo un centinaio di metri, si incontra sulla destra il sentiero MTB 1 San Pantaleone e successivamente, dopo circa 1,2 km, sempre sulla destra, il sentiero pedonale che conduce alle Grotte di Caliendo, da visitare accompagnati da speleologi (per informazioni visionare le tabelle informative disposte a inizio sentiero e presso Colle Molella). Giunti a Valle Piana, dopo aver percorso complessivamente 2,7 km circa, si può procedere ancora lungo il sentiero principale o svoltare a sinistra per raggiungere l’Altopiano Laceno percorrendo il sentiero MTB 2 Santa Nesta lungo circa 1,3 km. Da Valle Piana il percorso inizia dolcemente a salire alternando tratti brevi pianeggianti a leggere ma lunghe salite. Al km 6,4 km circa si incontra sulla sinistra una stradina in salita che conduce al Colle del Sacrestano e alla pista da sci Nordica. Il punto più alto del percorso principale, 1425 m s.l.m., si incontra dopo 800 m circa all’intersezione con la cresta del Monte Rajamagra. Qui vi è un bellissimo punto panoramico da cui è possibile, spaziando con la vista in senso antiorario, ammirare l’alta Valle del Calore, le vette dei Monti Picentini, ed in fondo, oltre la pianura, il mare. Inizia la discesa fino a Valle d’Acero, da cui eventualmente si può raggiungere, dopo circa 3,5 km, la località Vallebona ed intercettare il sentiero CAI 114 prendendo la stradina a destra, ed aggirando in senso orario il Monte Raia della Scannella, oppure completare il percorso principale per Colle del Leone a cui si giunge in falsopiano dopo 3 km circa.

PROFILO ALTIMETRICO:


MTB 5 – PISTA CICLABILE LAGO LACENO

LUNGHEZZA TRACCIATO: circa 9,8 km
DISLIVELLO: Anello del Lago Laceno 16 m in salita e 16 m in discesa; raccordo Anello – Colle Molella 33 m in salita; raccordo Anello – fine sentiero MTB 3 Piana dei Vaccari 32 m in salita; da fine sentiero MTB 3 ad Anello passando per gli impianti di risalita 30 m in salita e 75 m in discesa
GRADO DI DIFFICOLTÀ: molto facile

PERCORSO CON QUOTE ALTIMETRICHE: l’Anello del Lago Laceno è un percorso di circa 6,5 km con quota minima pari a 1052 m s.l.m. e quota massima pari a 1063 m s.l.m.; la diramazione che passa per il piazzale degli impianti di risalita tocca la quota max di 1095 m s.l.m.

NOTIZIE GENERALI: il percorso è completamente asfaltato interessa la Piana del Lago Laceno; le diramazioni sud conducono agli impianti di risalita e alla fine del sentiero MTB 3 Piana dei Vaccari, la diramazione nord al Colle Molella.

RACCORDI CON ALTRI SENTIERI: MTB 2 Santa Nesta, MTB 3 Piana dei Vaccari, MTB 4 Colle Mollella/Colle del Leone (sentiero CAI 137).

DESCRIZIONE: il percorso di lunghezza complessiva pari a circa 9,8 km coincide con l’anello dell’Altopiano del Lago Laceno, con le diramazioni sud per gli impianti di risalita e per il sentiero MTB 3 Piana dei Vaccari e con la diramazione nord per Colle Molella. Partendo da Colle Molella e percorrendo in discesa la ex S.S. 368, dopo circa 800 m, si raggiunge l’anello dell’Altopiano del Lago Laceno che può essere percorso in entrambi i sensi. Ipotizzando di percorrerlo in senso antiorario, dopo poco più di 2 km, si giunge in corrispondenza del vecchio albergo comunale, con affaccio sul lago, e dell’area picnic Erica. Qui una visita merita la Grotta di San Guglielmo ubicata sotto l’albergo. Poco più avanti, sulla destra si incontra la Chiesetta di Santa Nesta, la fine del tracciato MTB 2 e la deviazione per gli impianti di risalita distanti 900 m circa. Continuando a percorrere l’anello in senso antiorario si giunge dopo circa 1 km al bivio per il Museo del Territorio e per il sentiero MTB 3, quest’ultimo raggiungibile dopo aver percorso circa 1 km in leggera salita. Il giro continua e termina dopo 2,5 km circa interamente pianeggianti

PROFILO ALTIMETRICO: il percorso è praticamente pianeggiante; piccoli dislivelli si incontrano per Colle Molella, per gli impianti di risalita e per raggiungere il sentiero MTB 3.


MTB 6 – FONTANA DI DONGIOVANNI

LUNGHEZZA TRACCIATO: circa 6,3 km
DISLIVELLO: 180 m in salita, 180 m in discesa
GRADO DI DIFFICOLTÀ: facile

PERCORSO CON QUOTE ALTIMETRICHE: partenza da Colle del Leone (1215 m s.l.m.), arrivo sempre a Colle del Leone passando per il Prato del Leone (1115 m s.l.m.), per la Fontana di Dongiovanni (1065 m s.l.m.) e per il Piano del Tannera (1120 m s.l.m.)

NOTIZIE GENERALI: il percorso sterrato si snoda al di sotto della strada intercomunale per Calabritto/Acerno, che viene in parte percorsa nel tratto finale, ed interessa interamente la Piana del Cupone; con delle piccole deviazioni è possibile raggiungere la Fiumara di Tannera, nelle cui limpidissime acque si può incontrare la salamandra pezzata, e le Grotte del brigante Strazzatrippa

RACCORDI CON ALTRI SENTIERI: MTB 3 Piana dei Vaccari, MTB 4 Colle Mollella/Colle del Leone (sentiero CAI 137), sentiero CAI 113.

DESCRIZIONE: il sentiero coincide in parte con il SENTIERO N. 2, colore verde, ed in parte con il SENTIERO N. 3, colore giallo, della Carta dei Sentieri redatta dal Comune di Bagnoli Irpino ed in parte con i sentieri CAI n. 114 e 114B. Partendo da Colle Leone si scende per circa 900 m fino a raggiungere il Prato del Leone; lasciando il pianoro sulla sinistra, il tracciato prosegue con andamento sub-pianeggiante fino alla discesa che conduce alla Fontana di Dongiovanni. Dalla fontana, scollinando, si può raggiungere a piedi, dopo 500 m circa, la Fiumara di Tannera, sito dall’elevato valore naturalistico a confine con il Comune di Acerno, oppure proseguire sulla sinistra con una leggera salita verso il Piano del Tannera. Giunti al Piano del Tannera con una breve deviazione, attraversandolo tutto in direzione sud, si può raggiungere l’imbocco delle Grotte di Strazzatrippa. Dopo aver lambito la piana, il tracciato ritorna in direzione del Colle del Leone, a cui si giunge dopo aver percorso circa 2 km in lieve salita ed un tratto finale pianeggiante in asfalto di circa 1,2 km.

PROFILO ALTIMETRICO: